Notizie da Gallipoli

Ululati di scherno dei tifosi al seguito contro i calciatori di colore: punito il Gallipoli

Secondo il giudice sportivo un gruppo di sostenitori del Gallo, in trasferta a Mesagne, ha preso di mira per tutta la gara alcuni elementi della formazione locale. Il sindaco Minerva: "Noi città dell'accoglienza"

Le formazioni a inizio gara (foto di quimesagne.it)

GALLIPOLI - Ululati e mugugni "schernitori e discriminanti" ai danni dei calciatori di colore scesi in campo con la maglia del Mesagne. Il comportamento di alcuni tifosi del Gallipoli, al seguito della squadra nella trasferta di domenica, costa la disputa a porte chiuse del successivo incontro del campionato di Eccellenza, quello con il Brindisi.

I sostenitori gallipolini, come si vede nella foto, erano stati sistemati nella tribuna alle spalle del secondo assistente e si sarebbero resi protagonisti della condotta a loro imputata per tutta la durata dell'incontro, come recita il provvedimento del giudice sportivo del Comitato Regionale Puglia della Lega Nazionale Dilettanti, l'avvocato Angelo Maria Romano, che è stato assistito dal rappresentante dell’Associazione Italiana Arbitri,  Pasquale Cariello. Comminata anche una multa di 500 euro. Da precisare che gli ultras non erano presenti perché contrari alla decisione della società di schierare Achille Casalino, calciatore di origine gallipolina, non gradito ai supporter per aver militato nel Casarano.

Nella formazione di casa sono stati schierati inizialmente il difensore Sakho (Senegal), il centrocampista Nyassi (Gambia) - che a Mesagne si trova perché accolto in uno dei progetti per rifugiati e richiedenti asilo - e l'attaccante Tourè (anche dal Senegal, sostituito a inizio ripresa). A un quarto d'ora dal termine è subentrato ad un compagno il gambiano Koubally.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco di Gallipoli, Stefano Minerva, al quale LeccePrima ha comunicato la notizia, si è incaricato di chiedere chiarimenti al club rispetto a quanto riportato dal giudice e di sottolineare che Gallipoli "è una città di accoglienza dove il razzismo non può trovare posto". Per la cronaca la gara, molto nervosa, si è conclusa sullo 0 a 0. La formazione ionica, che ha fallito un rigore con Carrozza, è salita a quota quattro punti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni trovata morta in appartamento: è mistero

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

  • Tragedia in ospedale: si lancia dal quarto piano, muore donna 73enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento