Notizie da Gallipoli

Raccolta della carta e cattive abitudini. “Niente buste o scattano sanzioni”

La ditta d’igiene urbana lamenta il mancato rispetto delle regole nel conferimento dei rifiuti cartacei nei mastelli e carrellati. L’appello dell’assessore all’Ambiente

GALLIPOLI - Ad un anno esatto dall’avvio del nuovo servizio della raccolta differenziata sul territorio cittadino di Gallipoli, la ditta che gestisce l’appalto d’igiene urbana dell’Aro11, il raggruppamento Gial plast srl e Colombo Biagio srl, ha segnalato, nei giorni scorsi, all’amministrazione comunale un notevole incremento di impurità all’interno della carta recuperata con la raccolta differenziata “porta a porta”, dovuto principalmente alla presenza di buste di plastica utilizzate per conferire il rifiuto cartaceo nei mastelli e carrellati nei giorni di ritiro previsto dal calendario settimanale.

“Al fine di non pregiudicare la qualità della raccolta, vanificando l’impegno di tutti i cittadini diligenti, si raccomanda di inserire la carta direttamente nell’apposito bidoncino” ribadisce l’assessore all’Ambiente, Giuseppe Venneri rivolgendosi con un appello ai cittadini, “questo vuol dire che non occorre utilizzare una busta di plastica contenitiva, perché come si può immaginare, si tratta di materiali differenti. Se il comportamento scorretto di alcuni sarà lo stesso è chiaro che i rifiuti non saranno ritirati e i cittadini multati. Non rispettare le regole comporta danni notevoli per tutta la città”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Comune di Gallipoli ha da poco spento una candelina celebrando il primo anno dell’avvio della raccolta differenziata e i dati fanno registrare percentuali importanti rispetto al passato che con un trend negativo relegavano il comune nel bassifondi della classifica. Ma ora la storia è cambiata(dopo un’impennata sino alla soglia del 70 per cento da maggio a giugno dello scorso anno ora il dato regionale relativo a Gallipoli si attesta intorno al 58 per cento), ma bisogna continuare a prestare attenzione. “Dopo questo appello non saremo più indulgenti” conclude l’assessore Venneri, “i controlli continueranno in tutta la città e saranno costanti. Differenziare è un segnale di civiltà e comporta dei benefici sulla tassazione locale. Più di tutto, una città pulita è specchio di una comunità responsabile e amante del proprio territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Nessuno stupro a Gallipoli: falso allarme, i due appartati prima del collasso

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

  • Puglia, sono 23 i nuovi positivi al coronavirus registrati in un giorno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento