Notizie da Gallipoli

Evasione fiscale con il Premio Barocco, condannata la figlia del patron

Donatella Cartenì, figlia 30enne dell’ex patron Fernando e legale rappresentante dell’associazione, condannata a dieci mesi di reclusione, con pena sospesa. Sarebbero stati omessi di indicare ricavi per poco più di un milione di euro, con conseguente imposta evasa pari a 233mila e 68 euro

Palco del premio in un momento delle fasi d'allestimento.

LECCE – La gestione, almeno quella contabile, sarebbe stata piuttosto contorta. Quasi "barocca" come il nome dell’omonimo premio, nato nel 1969 per volontà di Fernando Cartenì, che n'è rimasto presidente onorario, e organizzato da un’associazione culturale con sede nel centro di Gallipoli.

A finire nella rete delle verifiche fiscali, eseguite dai militari della guardia di finanza della compagnia della Città bella, infatti, l’associazione Premio Barocco Salento onlus, un’organizzazione operante nel settore culturale e degli spettacoli. Nei guai è finita Donatella Cartenì, figlia 30enne dell’ex patron e legale rappresentante dell’associazione. La donna, che rispondeva dei reati tributari previsti dal Decreto legislativo 74 del 2000, è stata condannata a dieci mesi di reclusione (pena sospesa).

Secondo l’ipotesi accusatoria nell’anno 2007 l’associazione avrebbe omesso di indicare ricavi per poco più di un milione di euro, con conseguente imposta evasa pari a 233.068 euro. Una cifra superiore alla soglia di punibilità fissata in euro 103.291 euro e ricavi non dichiarati superiori al 10 per cento dell’ammontare complessivo degli elementi attivi indicati in dichiarazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell’inchiesta, avviata nel marzo del 2013, erano finiti anche gli anni 2008 e 2009, per cui è stata dimostrata la correttezza dei dati dichiarati. Per le ipotesi di reato contestate il collegio difensivo, formato dagli avvocati Pasquale e Giuseppe Corleto, e Francesco De Iaco, aveva chiesto l’assoluzione evidenziando come la rappresentante legale dell’associazione non fosse l’imputata, totalmente estranea ai fatti. Una tesi che sarà, con ogni probabilità, dibattuta nel processo d’appello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Violenze durante il sonno, a processo il padre adottivo

  • Finanziamenti con documenti falsi, al terzo tentativo scattano le manette

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento