Notizie da Gallipoli

“Sporcaccioni" non perdono vizio: pizzicati da fototrappole mentre scaricano rifiuti

Nuova sfilza di sanzioni in arrivo da parte della polizia locale di Gallipoli per i trasgressori che hanno abbandonato materiale vario lungo le strade. In azioni nuove telecamere. Monito di Minerva

GALLIPOLI - Il potenziamento dei controlli e l’utilizzo dell’occhio elettronico, per smascherare ancora una volta i riottosi delle buone pratiche sul conferimento dei rifiuti, punisce i trasgressori. Il malvezzo di abbandonare i rifiuti e produrre micro discariche a cielo aperto sembra irrefrenabile sul territorio di Gallipoli, ma il pugno duro annunciato dall’amministrazione comunale e dal comando della polizia locale centra l’obiettivo. Il Comune ha infatti attivato ulteriori fototrappole per contrastare il fenomeno diffuso dell’abbandono dei rifiuti. E dopo i controlli dei mesi precedenti, nel corso della scorsa settimana sono stati sanzionati anche nuovi trasgressori.

Dopo una settimana dall’attivazione delle nuove fotocamere mobili si procede con gli accertamenti grazie al lavoro della polizia locale che utilizza i nuovi dispositivi per ampliare il raggio d’azione dei controlli. Gli appelli e gli avvisi al buon senso continuano a non fare breccia su alcuni, e si spera sempre meno numerosi, cittadini indisciplinati che potrebbero consegnare lo stesso materiale gettato per le strade, in maniera gratuita, presso l’ecocentro comunale.

Al momento sono sei i trasgressori che hanno indebitamente abbandonato i sacchetti della spazzatura e scaricato letteralmente vari oggetti in diverse zona della città, tra cui l’area sempre più bersagliata di via Alfieri e via della Costituzione. “Continuo a stupirmi di questi ripetuti atti di inciviltà. Durante la quarantena, abbiamo monitorato la situazione e sanzionato i colpevoli” spiega il sindaco Stefano Minerva, “ora abbiamo rafforzato i controlli e l’intero territorio è supervisionato dalle foto trappole. Un’operazione trasversale che interessa e coinvolge vari settori, dall’ufficio Ambiente a quello dei Servizi informatici fino ad arrivare alla polizia municipale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un lavoro di squadra che ha coinvolto, come sempre, oltre al comando dei vigili, retto da Antonio Morelli, anche l’assessore all’Ambiente, Giuseppe Venneri, il presidente della commissione Ambiente, Cosimo Nazaro e l’assessore alla Polizia locale. Paola Scialpi. “Il corpo di polizia municipale è impegnato in un lavoro estremamente delicato e per questo intendo ringraziare l’agente della polizia locale, Antonio Verona, per il lavoro meticoloso svolto e per l'impegno costante dimostrato” conclude il primo cittadino, “non tollero più i commenti in cui si dice che la città non è pulita e poi si è colpevoli in prima linea. C’è chi predica bene e razzola male, basta dire che la città è sporca. Spesso i responsabili di tale scempio sono i primi a lamentarsi sui social”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento