Gallipoli Today

“Troppi disagi nell’area parcheggio del porto”. Commercianti tornano sul piede di guerra

La riduzione dei posti auto e il blocco della barra elettronica aumentano i disagi per automobilisti e negozianti del borgo

Il porto di Gallipoli

GALLIPOLI – Non solo i soci del Circolo della vela che hanno sollevato il problema dell’accesso dal varco dei parcheggi a pagamento per raggiungere la propria sede, ma ora anche i commercianti e gli imprenditori del centro storico di Gallipoli tornano a protestare contro la barra elettronica e l’area di sosta a pagamento attivata dal 1 aprile scorso. Un problema che è stato dibattuto anche nell’ultima riunione del direttivo dell’associazione Commercianti e imprenditori, presieduta da Matteo Spada, che ha raccolto il malcontento manifestato dagli operatori commerciali, in particolar modo di quelli che si trovano ad operare nel borgo antico e che lamentano diverse anomalie nella gestione del parcheggio con la “barriera” elettronica e la riduzione, seppur temporanea, dei posti auto nell’area portuale. I commercianti hanno individuato anche una serie di proposte che potrebbero essere risolutive riguardo il nodo parcheggi e che presto sottoporranno all’attenzione del sindaco Stefano Minerva e dell’amministrazione comunale.         

“Parcheggiare nell’area portuale è sempre più difficile perché i posti sono pochi e l’accesso con la barra elettronica comporta una serie di disservizi” spiega Matteo Spada, “abbiamo raccolto il malcontento degli operatori commerciali, in particolar modo di quelli che si trovano nel centro storico, riguardo la gestione del parcheggio con la barriera elettronica e la riduzione dei posti nell’area portuale. Sono proprio gli operatori economici che si trovano nel borgo antico a risentire maggiormente della mancanza di posti auto e che non vorrebbero si ripetesse quanto accaduto lo scorso anno: caos e disagi. Meno parcheggi corrispondono a meno presenze nel centro storico” puntualizza il presidente dell’associazione commercianti, “e per questo ogni giorno riceviamo lamentele di albergatori, ristoratori, commercianti e imprenditori, anche non associati, che sono sul piede di guerra e ci chiedono di sollecitare l’amministrazione per trovare una soluzione. A nostro avviso  la barra elettronica non fa altro che creare ulteriori disagi”.accesso con barra-2

E cosi l’associazione dei commerciati gallipolini  evidenzia alcune delle lacune legate al sistema dei parcheggi a tariffa e del varco di accesso nell’area portuale che sino al 30 maggio può ospitare sino a 150 auto a fronte dei 300 complessivi. Una riduzione causata dal cantiere di stoccaggio che ospita i massi frangiflutti e che occupa una parte della banchina dove insistono alcuni degli stalli per parcheggiare. Solo con la chiusura del cantiere di potrà tornare al regime dei 300 posti auto disponibili gratuitamente solo la mattina, e sino ad esaurimento, e il pomeriggio con il pagamento a tariffa (50 centesimi l’ora) dalle 18 alle 24 sino alla fine di maggio. “Davanti all’accesso dovrebbe essere presente sempre un addetto alla sicurezza poiché si sono verificati episodi in cui gli automobilisti sono rimasti intrappolati all’interno del parcheggio, senza poter uscire” spiega ancora Matteo Spada, “la barriera infatti si era bloccata e sono stati costretti a chiamare i carabinieri. Questa figura è presente nel capitolato di spesa dell’amministrazione comunale, ma non vi è nessun addetto. In altri casi ci sono stati dei problemi per l’emissione del ticket di uscita: al momento del pagamento, che non prevede l’utilizzo delle carte di credito e solo monete di alcuni tagli specifici, ci sono stati dei guasti con il conseguente blocco dell’emissione del biglietto. Inoltre la barriera non si solleva nel momento in cui il parcheggio risulta pieno. E il problema” prosegue Spada, “è che l’automobilista giunto fino all’area portuale deve poi tornare indietro e trovare un’altra soluzione, perché non vi sono segnali, a debita distanza, che avvisino riguardo la disponibilità di posti auto e che invece andrebbero installati. Ciò non crea solo un disagio all’automobilista, ma porta soprattutto ad un’ulteriore incidenza di traffico”.

Da qui l’associazione commerciati, analizzando complessivamente il nodo parcheggi al porto, ritiene necessario, oltre a risolvere i disguidi tecnici della barra elettronica, potenziare, in vista della stagione estiva, anche le corse dei mezzi pubblici e i collegamenti con le aree parcheggio della città, che si trovano in periferia. “Per chi decide di venire con la propria auto, si potrebbe istituire un ticket giornaliero, settimanale o mensile” propone Spada, “il turista che viene a visitare Gallipoli paga una cifra stabilita, con la quale, poi, ha diritto di parcheggiare su tutte le strisce blu della città. Sarebbe auspicabile, qualora non fosse possibile la realizzazione di quanto detto, pensare ad una riduzione graduale del costo del ticket in base al numero delle ore di sosta dell’auto e prevedere uno sconto per i lavoratori e i residenti. Invitiamo l’amministrazione comunale a valutare un sistema alternativo alla sbarra elettronica” conclude il presidente dei commercianti, “e ad esempio  regolare il pagamento del parcheggio tramite i tradizionali parcometri che potrebbero essere installati nell’area portuale ed essere gestisti da una cooperativa di giovani gallipolini, come avviene in paesi limitrofi”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (12)

  • È una situazione creato senza testa ne coda, non è servito rimandare l'attivazione del parcheggio un anno. Le problematiche sono sempre le stesse. Numero parcheggi ridotti in maniera consistente , costo fascia oraria elevata, se consideriamo i servizi che il comune offre in cambio ai turisti

  • Buongiorno a tutti, sono stato a Venezia, a Sorrento, a Taormina ecc. ecc. ed in tutti questi posti ho dovuto lasciare l'auto in dei parcheggi a pagamento, e non sto parlando di centesimi ( 50), ma di decine di euro al giorno. Capisco che vi sono problemi di taratura del sistema, ma invece di dare la colpa al parcheggio per le poche persone che transitano nella Città Vecchia, perché non ci chiediamo il motivo? Perché Gallipoli si sveglia solo per 2 mesi l'anno? Perché la Città Vecchia per 9 mesi l'anno è morta e nessuno si lamenta? Prima di dare delle sentenze bisogna capire le vere problematiche di Gallipoli e non avere paura di migliorarsi. Saluti Giulio

    • ottima osservazione. A Portofino il parcheggio costa 15 euro l'ORA.

  • Si e' avuta l'infelice idea di realizzare questo scempio nel porto di Gallipoli, unico polmone di parcheggio in nome della legalita': legalita' e' altro...ne e' derivato un caos incontrollato, gente bloccata all'interno a cui abbiamo dovuto fornire delle monete al di sopra delle mura, alcuni clienti hanno chiamato i carabinieri per poter uscire. La macchinetta non accetta banconote, non da' resto e non ricevere il bancomat. Tutto improvvisato alla vigilia della Pasqua e di un ponte che da un punto di vista organizzativo non promette nulla di buono. Senza faziosita' la sentenza la scriveranno i turisti sempre piu' scontenti di carenze primarie. Sono dell'idea che la nostra voce rimarra' inalscoltata per non parlare di abbonamenti farlocchi che si paventano sopratutto per chi nel centro storico vedremo se verra' a lavorare. Luciano Corciulo - Titolare Al Pescatore Hotel&Restaurant

  • Ma perché non vi decidete a realizzare parcheggi di scambio? Possibile che l'unico ragionamento che si riesca a fare a Gallipoli sia solo e soltanto auto, auto e ancora auto libere di arrivare in ogni dove? Ma quando diventerete una città degna di accogliere turismo di qualità e non solo marmaglia? A proposito, perché non fate in modo che le auto possano parcheggiare sulle spiagge? I gestori dei chioschi ve ne sarebbero grati. Buona notte Gallipoli......

    • Sig. Antonio stia attento quando fa delle battute...qualcuno potrebbe prenderla sul serio. È ormai conclamato che Gallipoli è come un aquilone... va dove lo porta il vento. Purtroppo quelle che dovrebbero essere teste pensanti, si rivelano sempre più delle zucche vuote...con cervelli fuori dal comune....appunto, fuori dal Comune di Gallipoli. Non capisco quale sia la maledizione di questo posto che ha tutte le carte in regola per essere un paradiso ma che, degli amministratori dementi, folli, trasformano nel più profondo angolo dell'inferno. Cosa abbiamo fatto di male noi cittadini?

      • Avatar di Zia
        Zia

        A leggere il tuo commento qua sotto, la nostra colpa è di non aver votato un ineleggibile... Buona Pasqua!

        • Ti sembrerà strano, ma credo proprio che tra i due, era fin troppo chiaro che non andava scelto un ragazzino montato, calato da Bari e disposto a qualunque tipo di compromesso pur di essere eletto. I risultati sono sotto gli occhi di tutti, anche dei tuoi, a meno che non conosci il significato di onestà intellettuale...ma non credo sia il tuo caso. Gallipoli è agonizzante nonostante le apparenze, è non durerà a lungo...gli amministratori attuali la stanno accompagnando per mano...una sorta di eutanasia.

  • Non dico di essere contento per quello che vi stà accadendo ma indifferente, si! Avete voluto con tutti i vostri imbrogli questo sindaco che si stà rivelando di una vera jattura ....bene, adesso tenetevelo e raccogliete i frutti che insieme a lui avete seminato. E' stucchevole dirlo, ma Gallipoli ha avuto la possibilità di crescere sotto ogni punto di vista con FLAVIO FASANO ma è stato tradito anche da voi. E' inutile quindi piangere sul latte versato...il danno è stato oramai fatto e, quello che vi resta da fare è leccarvi le ferite che a mio avviso non sono ancora del tutto evidenti. Avremo tempi peggiori e la colpa sapete di chi è!

    • Avatar di Zia
      Zia

      Macu te l'ove, al massimo è stato tradito dalla legge Severino! Non avrebbe mai potuto fare il sindaco 

      • Pagnottisti...io vi chiamo così. Quello che è successo a Gallipoli prescinde dalla Merlino...apri l'occhi cucuzza!

        • Severino, scusate.

Notizie di oggi

  • Sport

    Mister Rizzo e il curioso retroscena: "Al Lecce non ho detto subito sì"

  • Politica

    Nel segno della Costituzione e dei giovani la Festa della Liberazione

  • Cronaca

    Seguono le tracce lasciate dai ladri e trovano la refurtiva per 30mila euro

  • Cronaca

    Aggredisce un ospite della comunità dove si trova ai domiciliari, in carcere

I più letti della settimana

  • Operazione "Baia Verde", in appello confermate quasi tutte le condanne

  • Blitz nei cantieri edili, sei deferiti: trovato anche un operaio in nero

  • Parcheggio completo, ma stalli vuoti. Nuovi disagi per l’area sosta

  • Barca a vela in avaria durante la regata, natante ed equipaggio soccorsi

  • Sostegno Mellone a Emiliano, barricate dal Pd: “Non inquinate il voto”

  • Domani open day nella biblioteca del centro storico. Libri in dono alla città

Torna su
LeccePrima è in caricamento