Notizie da Gallipoli

Revoca dell’autorizzazione paesaggistica. “Lido Rivabella non deve smontare”

Il Tar ha concesso la sospensiva sulla determina del Comune che aveva annullato il permesso per il mantenimento annuale. Nella stessa situazione altri quattro lidi: Punta della Suina, La Bussola, Spiaggia Club e Zeus

Lido Rivabella, a Gallipoli.

GALLIPOLI – Una nuova boccata d’ossigeno grazie ad un decreto di sospensiva del Tar di Lecce (N_ 00226_2018 REG-3) per i cinque lidi gallipolini alle prese con il recente annullamento delle autorizzazioni paesaggistiche rilasciate nel 2011 per il mantenimento annuale delle strutture sull’arenile. I giudici della prima sezione del tribunale amministrativo hanno infatti concesso la sospensiva sulla determina del Comune di Gallipoli che aveva annullato il permesso del lido Rivabella per il mantenimento annuale della struttura rispolverando una vecchia sentenza del Consiglio di Stato favorevole alla Soprintendenza. Una decisione importante in quanto le determine del 15 febbraio scorso con cui l’ente ionico ha annullato le autorizzazioni paesaggistiche annuali hanno interessato anche altri quattro stabilimenti di Gallipoli: Punta della Suina, Lido La Bussola, Spiaggia Club e Zeus. Il tribunale amministrativo ha concesso la misura cautelare richiesta con il ricorso presentato dai titolari del lido gallipolino (che insiste sul litorale nord) difeso dagli avvocati Leonardo Maruotti e Francesco Romano, fissando l’udienza di merito per il 4 aprile prossimo.

 Nonostante la revoca dell’autorizzazione paesaggistica da parte del Comune in esecuzione di una vecchia sentenza del Consiglio di Stato, il lido Rivabella non dovrà quindi smontare la struttura balneare. E’ questa la decisione che deriva dalla sospensiva concessa dai giudici della prima sezione del Tar di Lecce che hanno sospeso, in via d’urgenza, il provvedimento comunale che, annullando l’autorizzazione paesaggistica che consentiva il mantenimento delle strutture per l’intero anno solare, imponeva la rimozione delle opere dello stabilimento balneare nel periodo invernale. “La decisione, seppur avente carattere provvisorio riveste particolare importanza in quanto consente al Lido Rivabella di non rimuovere le opere e, soprattutto, perché detta l’importante principio secondo cui gli stabilimenti balneari che hanno un permesso di costruire a carattere stagionale” precisa il presidente di Ferdebalneari Salento, Mauro Della Valle, “anche ove ciò sia diretta esecuzione di sentenza passata in giudicato, purché emessa sulla base della normativa precedente all’entrata in vigore della legge regionale 17/2015, possono comunque richiedere al Comune di mantenere le strutture per l’intero anno solare. Al riguardo sul tema del mantenimento annuale delle strutture balneari” conclude Della Valle, “ci battiamo con forza e da circa dieci anni siamo sempre in prima linea per tutelare al meglio gli interessi dei nostri associati e per tentare, così, di destagionalizzare l’offerta turistica con conseguente aumento dei posti di lavoro”.

Ora, con il recente provvedimento, il Tar scongiura lo smontaggio e la rimozione delle opere del Lido Rivabella e, inoltre, specifica che i Comuni, anche nel caso in cui una sentenza precedente all’entrata in vigore dell’attuale legge regionale avesse confermato l’obbligo di smontaggio, non devono limitarsi ad imporre all’imprenditore di rimuovere le strutture nel periodo invernale ma devono in ogni caso emanare il provvedimento alla luce della legge regionale n.17 del 2015 e dell’ordinanza balneare del 2017. La ricognizione congiunta avviata nelle scorse settimane tra il Comune di Gallipoli e la Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici  sulle autorizzazioni e i permessi a costruire rilasciati agli stabilimenti balneari per il mantenimento annuale, aveva portato alla luce l’esecutività di una sentenza del Consiglio di stato del settembre del 2012 (e in un paio di casi del giugno scorso) che accogliendo il ricorso in appello da parte della Soprintendenza, contro il via libera al mantenimento delle strutture in maniera permanente sulla costa decretato dal Tar di Lecce, di fatto imponeva già da tempo al Comune di provvedere all’annullamento delle autorizzazioni concesse circa sei anni addietro. La sospensiva e il prossimo pronunciamento con sentenza del Tar tornano a far sperare anche gli altri quattro stabilimenti destinataria del provvedimento di revoca di autorizzazioni e permessi.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Si Dai! Eliminiamoli tutti! Torniamo a fare la cacca in pineta- Torniamo a tenerci settimane di alghe sul bagnasciuga, ogni volta che c'è mare mosso. Torniamo ad avere km di spiagge senza l'ombra di un bagnino. Torniamo ai 4/5 morti annegati ogni anno, perchè nessun ente o lido, espone la nbandiera rossa quando non si può fare il bagno. Torniamo a parcheggiare selvaggiamente sotto alle pinete. Ecc ecc ecc . Dove si sa cosa vuol dire fare turismo , succede questo: http://www.cesenatoday.it/economia/spiagge-la-rivoluzione-gli-stabilimenti-balneari-aperti-tutto-l -anno.html

  • Lasciate le spiagge libere.No allo sfruttamento del territorio e delle persone che lavorano 15 ore al giorno per paghe da fame.No alle spiagge e ai parcheggi a pagamento.Gallipoli deve ritornare ad essere la città di una volta.No al turismo trash.

  • Vanno eliminati tutti gli stabilimenti. Devastano il territorio facendo milioni pagando peraltro quattro soldi per li concessione. Quanto ai posti di lavoro che garantiscono: chiedere ai poveri cristi che, per assoluto bisogno, soggiacciono a turni spropositati per paghe da fame.

  • E ti pareva che non trovavano un appiglio, in fondo siamo in Italia e la legge é uguale solo per i poveri disgraziati non per tutti. Speriamo che i 5 stelle quando governeranno spazzeranno tutta questa ingiustizia italiana.

  • Visto che vogliono mantenere le opere per tutto l'anno per destagionalizzare l'offerta turistica e non come non dicono perché smontare e rimontare costa, si lascino liberi di avere lo stabilimento anche d'inverno con l'obbligo che sia funzionante tutti i sabati e le domeniche anche d'inverno e anche se non c'è nessuno...E vediamo se è per destagionalizzare o per non spendere

  • ...non sapevo che il Tar sia sovraordinato al Consiglio di Stato! ora toccherà riscrivere i manuali di diritto amministrativo.

Notizie di oggi

  • settimana

    Sopravvissuto al sinistro in moto del 2016, cuoco sbanda e perde la vita

  • Cronaca

    Madre presenta una denuncia: "Ha tentato di rapire mio figlio"

  • Politica

    La strigliata finale del prefetto: "Mi vergogno della stazione ferroviaria"

  • Politica

    Il sindaco in assemblea ai dipendenti Lupiae: "Il Comune assicura gli stipendi"

I più letti della settimana

  • Cocaina, “erba” e fucili in casa: in manette un’insospettabile coppia

  • Sopravvissuto al sinistro in moto del 2016, cuoco sbanda e perde la vita

  • Cocaina e fiumi di denaro: perquisizioni in case e auto, tre arresti

  • Assalto con pistole e kalashnikov dentro Gls, colpo da oltre 24mila euro

  • Cadono dalla gru nella ditta di distribuzione bevande: paura per due operai

  • Molestie e palpeggiamenti a una donna nei pressi della stazione, arrestato

Torna su
LeccePrima è in caricamento