Notizie da Gallipoli

Pulizia dei canali nella Baia Verde. Il Comune ora “striglia” il Consorzio

Nuova ordinanza del sindaco Minerva per sollecitare la manutenzione e la bonifica nella marina. Nonostante due diffide acqua stagnante e detriti bloccano ancora il deflusso idrico

GALLIPOLI – E’ pugno di ferro quello del Comune di Gallipoli contro il Consorzio di bonifica “Ugento li Foggi” per la pulizia immediata dei canali che si trovano alle spalle della marina della Baia Verde alle prese con l’emergenza allagamenti. Ultimo allagamento in ordine di tempo quello dello scorso fine settimana che ha interessato principalmente la già falcidiata piazza Aceri, anche se altre zone come piazza Magnolie e via degli Oleandri non se la passano certo meglio ad ogni acquazzone in transito. Già prima di tale circostanza il sindaco Stefano Minerva nei giorni scorsi aveva sottoscritto una nuova ordinanza per intimare proprio al consorzio del Basso Salento di adoperarsi con interventi di somma urgenza per la pulizia ordinaria e straordinaria del Canale dei Samari dopo aver verificato che i precedenti solleciti, e le diffide da parte dell’amministrazione comunale, non hanno avuto il pieno riscontro da parte dell’ente proprietario e gestore dei canali. Una ulteriore lettera di sollecito in tale direzione al fine di avviare interventi di pulizia e sblocco dei canali  era stata inoltrata anche dal direttivo dell’associazione pro Baia Verde.   

Un braccio di ferro quello tra Comune e Consorzio che si protrae già da alcuni mesi a seguito dell’emergenza legata agli allagamenti all’interno della marina che si sono ulteriormente acuiti nella scorsa stagione invernale ed anche in estate a seguito delle burrasche improvvise che si sono abbattute anche sul litorale gallipolino. A complicare una situazione già critica sotto l’aspetto idrogeologico si è aggiunta la cattiva manutenzione e bonifica dei canali  della Baia Verde confluenti verso la zona umida dei Li Foggi e zona Samari. Per questo già il 21 giungo scorso il primo cittadino di Gallipoli aveva ordinato al Consorzio di bonifica di avviare con urgenza la pulizia e manutenzione straordinaria del canale che si trova alle spalle della Baia Verde e che confluisce nel Canale dei Samari e dei punti di confluenza e di ogni opera che contribuisce al normale funzionamento del canale stesso.IMG_9877-3

A tale ordinanza è seguita anche una doppia diffida, datate 5 ottobre e 16 novembre, con le quali l'ufficio tecnico e l'assessorato all'Urbanistica, lavori pubblici e alle marine sollecitavano il Consorzio a dare seguito ai lavori. L’ente di bonifica infatti aveva risposto di aver proceduto a circa il 90 per cento delle attività di pulizia dei canali, ma dai sopralluoghi nella zona dei tecnici comunali e dell’assessore Biagio Palumbo è emerso invece che i canali continuano ad essere colmi di acqua stagnante e di altri possibili rifiuti, che non defluiscono naturalmente e che aggravano ulteriormente lo stato di allagamento della Baia Verde. Da qui la nuova ordinanza urgente del sindaco Minerva per invitare il Consorzio ad attivarsi subito e in caso contrario “l’amministrazione sarà costretta ad intervenire per proprio conto addebitando spese e chiedendo i danni al Consorzio”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • La risposta del Consorzio sarà sempre la stessa: NON CI SONO SOLDI. E poi Di Maio vuole dare il reddito di dignità agli Italiani. BARZELLETTE

Notizie di oggi

  • Politica

    Mercatone Uno, fallisce la società. Dramma occupazionale per 123 famiglie

  • Cronaca

    Pestato e ferito da un colpo d'arma, preso il complice del violento raid

  • Incidenti stradali

    Collisione con handbike, disabile ferito e autista positivo alla cannabis

  • Cronaca

    Morte in carcere, prime conferme sul suicidio. Resta il nodo dei farmaci

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: indagati padre e zio

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

Torna su
LeccePrima è in caricamento