Notizie da Gallipoli

“Puliamo il buio”, a caccia di rifiuti per bonificare le cave sotterranee

La giornata promossa da Legambiente e Gruppo Speleologico Neretino per la pulizia e il monitoraggio delle antiche cave ipogee

Il recupero dei rifiuti nelle cave sotterranee

GALLIPOLI - Una domenica mattina tra le gole delle cave sotterranee di Gallipoli per avviare un’azione di pulizia e bonifica per la fruizione e valorizzazione dell'intera area. Grazie all’iniziativa  “Puliamo il buio”, promossa dalla Società Speleologica Italiana e da Legambiente e, con il patrocinio del ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare e del Comune, è stata effettuata la pulizia e anche il monitoraggio del sistema delle cave ipogee di via Trento e del Colle di San Lazzaro.

Un’iniziativa illustrata nei giorni scorsi presso la sede comunale di via Pavia e che ha visto coinvolto il circolo locale di Legambiente, guidato da Maurizio Manna e il Gruppo Trekking Alezio, il Gruppo Speleologico Neretino con la collaborazione della Pro loco, associazione Emys e TaliAnxa. Una giornata considerata memorabile e che ha consentito di recuperare e smaltire oltre 140 chili di plastica e quintali di vecchi rottami in ferro, per lo più reti da letto e motoveicoli fuori uso, pezzi di carrozzerie, ruote di biciclette, batterie e suppellettili varie ricordi di una Gallipoli che fu. E’ stato circoscritto e segnalato anche un sito inquinato dalla presenza di lastre di amianto. Nei prossimi giorni si provvederà alla rimozione dei residui ferrosi ed ingombranti e all'apposizione di idonei segnali di pericolo.

Già in sede di presentazione della giornata ecologica erano state proiettate delle immagini tridimensionali dei luoghi sotterranei già esplorati e anche in parte bonificati ed era stata illustrata  l'idea del progetto di recupero per la fruizione delle cavità sotterranee. Un progetto su quale lavorano da tempo e in sinergia Vittorio Marras e Francesca Lagna, insieme ai soci del Gruppo speleologico di Nardò e Maurizio Manna, coordinatore di Legambiente. Per ora la prima fase è stata proprio quella dell’avvio dell’esplorazione e della bonifica di siti sotterranei al fine di garantirne l’integrità e un’adeguata mappatura. Nei giorni precedenti i volontari e soci dei sodalizi impegnati nell’iniziativa di “Puliamo il buio” avevano già effettuato una prima spedizione per la pulizia degli accessi e l’ispezione delle cave antiche sovrastate dalla ferrovia in preparazione alla manifestazione di domenica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ieri mattina si è proceduto con la nuova discesa nei meandri delle cave ipogee per rimuovere i rifiuti percorrendo un sentiero tracciato nei pressi di via Agrigento e utilizzando attrezzature idonee alle ispezioni speleologiche. “Nell’ambito delle operazioni di pulizia stiamo realizziamo anche delle videoriprese  per rendere visibile e in seguito fruibile ai cittadini un mondo ai più sconosciuto” spiega Maurizio Manna, “realizzeremo anche una mappatura che oltre alle cave comprenderà anche i frantoi e le grotte cittadine per sensibilizzare alla loro conoscenza e alla piena valorizzazione. Oggi comincia un percorso di riscoperta e recupero che solo con la collaborazione di una intera comunità potrà trovare compimento”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salvato in extremis dal suicidio, in mano un biglietto d'addio incompiuto

  • Estorsione ai bar e riciclaggio: oltre all'ex senatore, in manette militare salentino

  • Fra serra e casa una piccola fabbrica della marijuana: arrestato

  • Arrivi da fuori regione: 20mila entro domenica, uno su tre dalla Lombardia

  • Spaccio di stupefacenti, armi e rapine, in 23 davanti al giudice

  • Il maltempo concede il bis: sferzata di grandine e pioggia sul Salento

Torna su
LeccePrima è in caricamento