Notizie da Gallipoli

"Pescato" dalla guardia costiera con 316 ricci di mare. Nei guai un sub

I militari hanno sorpreso l'uomo, intento a prelevare gli esemplari dalle acque ioniche. Avendo superato il limite consentito dalla legge, dovrà pagare una sanzione di 4 mila euro. I ricci sono stati rigettati in mare

I ricci sequestrati dai militari

GALLIPOLI - Ha fatto della rete la sua passione ma questa volta, ad incappare in un'altra rete, quella dei controlli, è stato lui. Un pescatore subacqueo. Sorpreso nel momento in cui stava prelevando ricci di mare dai fondali, l'uomo è stato immediatamente fermato dagli uomini della Guardi costiera di Gallipoli.

Aveva infatti con sé un quantitativo di esemplari ben superiore al limite imposto dalla norma che ha fissato ad un massimo di 50 ricci giornalieri, il numero consentito ai pescatori sportivi. Il sub ne aveva 316, subito recuperati dai militari e rigettati in mare ancora vivi. La sanzione amministrativa che dovrà ora pagare il pescatore ammonta a 4 mila euro. Continua incessantemente l’attività del personale della Guardia Costiera di Gallipoli per tutelare il delicato ecosistema marino, reprimendo le attività illecite di pesca, specie in vista dell'estate. Per sensibilizzare quanti siano testimoni di attività illecite perpetrate a danno della pesca e dell’ambiente, la Guardia costiera ha anche predisposto un numero telefonico, 0833266862, per segnalare qualunque notizia possa essere utile all'attività di contrasto.

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica scoperta: trovato morto in casa, la moglie era costretta a letto per una malattia

  • Le mani della Scu sul gioco d’azzardo: arresti e sequestro da 7 milioni di euro

  • Auto acquistate con “Spot&Go”, scatta l’inchiesta: s’indaga per truffa

  • In poche ore due spaventosi incidenti con feriti sulle strade del Salento

  • Perde un anello molto prezioso e lo ritrova lanciando un appello su facebook

  • Si fingeva chef stellato per molestare universitarie: preso 23enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento