Notizie da Gallipoli

Partito il tour estivo di Goletta Verde, in Puglia e nel Salento a fine luglio

Salpata da La Spezia, sarà impegnata nella verifica sullo stato di salute di mare e coste. Tappe anche a Gallipoli, Bari e Manfredonia

BARI – E’ partito ormai da una decina di giorni il nuovo tour estivo di Goletta Verde, la bialbero di Legambiente  che  solca le coste dell’intera penisola italiana  per monitorare le qualità delle acque marine, ma anche per denunciare le illegalità ambientali, l’inquinamento, la scarsa e inefficiente depurazione dei reflui, le trivellazioni di petrolio, le speculazioni edilizie e la cattiva gestione delle coste italiane. L’imbarcazione e gli attivisti del cigno verde approderanno anche sulle coste pugliesi e  salentine nelle tre tappe prefissate di fine luglio (tra il 21 e il 26) a Gallipoli, Bari e Manfredonia. La goletta è salpata invece dal porto di La Spezia lo scorso 18 giugno, e dopo un viaggio itinerante di ventuno tappe terminerà la sua traversata il 12 agosto prossimo a Lignano Sabbiadoro.    

Anche questa estate la mission dell’equipe di Legambiente sarà quella di testare la salute del mare e delle coste che saranno monitorate con i controlli a campione effettuati dai laboratori mobili per verificare lo stato di salute delle acque sempre a rischio per la presenza di scarichi fognari non depurati che finiscono direttamente nei fiumi, nei laghi o in mare. Per questo la Goletta Verde effettuerà un monitoraggio dei punti critici legati a problemi di depurazione, svolgendo sui campioni d’acqua prelevati le analisi previste dalla legge e fornendo i risultati in tempo reale.

goletta verde 2017_2-2-2Contestualmente al viaggio, lungo le coste italiche, a bordo della goletta è partito il tradizionale servizio “Sos Goletta”. Come sempre Legambiente assegna infatti un compito importante ai cittadini e turisti più sensibili  a cui viene chiesto di segnalare situazioni anomale foriere di possibile inquinamento delle acque: dai tubi che scaricano direttamente in mare, alle chiazze sospette. Il team di tecnici che accompagna la goletta approfondirà le denunce e le segnalazioni arrivate, per poi farle arrivare alle autorità competenti. Secondo i dati in possesso dagli esperti del cigno verde infatti  ancora oggi in Italia il 25 per cento delle acque di fognatura viene scaricato in mare, nei laghi e nei fiumi senza essere opportunamente depurato.

“La campagna Sos Goletta e il tour della storica imbarcazione ambientalista lungo la nostra Penisola” dice il presidente di Legambiente Puglia, Francesco Tarantini, “sono iniziative che, in sinergia fra loro, ci permetteranno di portare avanti il nostro impegno in difesa del mare dall’inquinamento e contro chiunque perpetui azioni a danno degli ecosistemi marini e lacustri. Per far ciò è necessario il contributo di tutti. Le segnalazioni dei cittadini aiuteranno i biologi di Goletta Verde ad individuare nuovi punti di campionamento da controllare, campionare e denunciare alle autorità competenti, per intervenire e cercare di risolvere i problemi che possono affliggere le nostre vacanze e soprattutto i delicati ecosistemi naturali”. Per eventuali segnalazioni o per denunciare il “mare sporco” ci si può collegare alla sezione dedicata del sito ufficiale  www.legambiente.it/golettaverde  oppure inviare un email  a sosgoletta@legambiente.it inviando una breve descrizione della situazione, l’indirizzo e le indicazioni utili per identificare il punto, le foto dello scarico o dell’area inquinata e un recapito telefonico.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento