Notizie da Gallipoli

Cave ipogee di via Firenze, lavori quasi ultimati. Famiglie a casa per Natale

Il commissario straordinario Aprea ha ottenuto nuove rassicurazioni per il completamento degli interventi del primo lotto entro il 20 dicembre. E dalla Regione arrivano anche 200 mila euro per rimborsare le spese sostenute in questi anni dal Comune per l’emergenza voragine

GALLIPOLI – Ci sono buone notizie per residenti di via Firenze e anche per il Comune di Gallipoli che per le spese affrontate in questi anni in seguito all’emergenza voragine ha ottenuto un rimborso da parte delle Regione Puglia pari a 200 mila euro.

Ma l’aspetto più importante riguarda in particolare la conclusione della prima fase degli interventi di messa in sicurezza delle cave ipogee che come rassicurato nelle scorse settimane dal commissario straordinario Guido Aprea dovrebbero rispettare i tempi previsti e consentire in questo modo alle famiglie destinatarie dei provvedimenti di sgombero di far rientro nelle proprie case a ridosso delle festività natalizie.

A tal fine nella giornata di venerdì il viceprefetto ha tenuto una riunione con il dirigente dell’ufficio tecnico comunale, l’ingegnere  Giuseppe Cataldi, nel corso della quale ha avuto ulteriori rassicurazioni che i lavori che interessano l’area racchiusa nel quadrilatero di vie, Firenze, Siena, Galatina e Acquedotto potranno terminare  secondo i tempi già comunicati in queste settimane dalla gestione  commissariale e quindi tra poco più di una settimana.

L’ulteriore proroga delle ordinanze del Comune per lo sgombero delle abitazioni, necessario per consentire gli interventi di messa in sicurezza delle cavità sotterranee, aveva fissato il termine del 20 dicembre. Ed è quello che i residenti sperano sia effettivamente l’ultimo termine utile concesso per porre fine all’attesa e ai disagi. A seguito anche di un sopralluogo del mese scorso sul cantiere il commissario Aprea e i responsabili dell’ufficio tecnico avevano ottenuto rassicurazioni in merito al completamento delle opere del primo lotto da parte della ditta Idrogeo per la seconda metà del mese di dicembre.

E in attesa che le circa 50 famiglie sgomberate possano finalmente rientrare in piena sicurezza nelle loro abitazioni dopo un sollecito da parte del viceprefetto Aprea presso gli uffici e gli assessorati regionali è stato concesso un finanziamento di 200 mila  euro a parziale ristoro delle ingenti spese che il Comune di Gallipoli  ha sostenuto a seguito della voragine che ormai otto anni addietro ha  colpito la zona di via Firenze.

Il contributo è diventato ufficiale a seguito di una delibera della giunta regionale di qualche giorno fa. “Non posso che ringraziare la Regione nelle persone del presidente Michele Emiliano,  dell'assessore Salvatore Negro e del consigliere Ruggero Mennea per  l'interessamento diretto che hanno avuto in questa vicenda” dice il viceprefetto Aprea. “e che ha consentito di sbloccare dei fondi utili  ben  comprendendo il disagio che questa comunità ha affrontato, e affronta  tuttora, a seguito di quella terribile calamità. Si tratta di un  finanziamento importante per le casse comunali” ha concluso Aprea, “duramente provate da  quanto accaduto in via Firenze, anche se quando si tratta di garantire  la sicurezza dei cittadini le questioni economiche passano decisamente  in secondo piano”. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

Torna su
LeccePrima è in caricamento