Notizie da Gallipoli

Blitz nel mercato ittico: lavoratori in nero, area occupata abusivamente e sequestro di pesce

Dopo due anni, le forze dell’ordine tornano nell’area mercatale di Gallipoli. Denunciati titolari di alcune attività, sanzioni per migliaia di euro

Le forze dell'ordine nel centro di Gallipoli.

GALLIPOLI- Dopo due anni, un nuovo blitz interforze nel mercato ittico di Gallipoli: sequestri di pesce, multe salate e denunce. Poliziotti, carabinieri, finanzieri, militari della guardia costiera e personale dell’Ispettorato del lavoro si sono infatti presentati nella serata di ieri presso l’area a ridosso del porto della Città Bella. Dagli accertamenti, le forze dell’ordine hanno riscontrato l’occupazione abusiva del suolo demaniale per circa 500 metri quadrati con il posizionamento di 30 tavolini, 80 sgabelli, 15 banconi in acciaio per l'esposizione del pesce, 15 ombrelloni, tre frigoriferi, suppellettili e arredi vari. Il tutto sottoposti a sequestro penale. Ma non è finita qui.

Sono stati infatti scoperti anche quattro lavoratori impiegati “in nero” presso tre esercizi: disposte le sospensioni delle attività imprenditoriali. Oltre alla misura dell’Ispettorato del lavoro, è scattato anche il sequestro di circa 22 chili di mitili e pesce non conservato secondo la normativa che tutela la salute dei consumatori. Nei confronti dei due gestori è stata elevata una sanzione amministrativa da mille euro ciascuno. Sigilli, inoltre, anche a cinque chili di cozze esposti in cattivo stato di conservazione. Deferita in stato di libertà la proprietaria dell’esercizio.FOTO 2-18-28

Il sopralluogo è stato eseguito per individuare eventuali irregolarità amministrative o violazioni della legge da parte dei gestori degli esercizi commerciali presenti nel mercato ittico. Un’area che fu sottoposta, nel mese di luglio del 2017 e su disposizione della Procura della Repubblica di Lecce, a sequestro penale per occupazione abusiva di suolo demaniale. E in un secondo momento dissequestrata, nel dicembre di quello stesso anno.

Il servizio è stato organizzato sulla base delle indicazioni emerse durante  la Riunione tecnica di coordinamento presso la prefettura di Lecce nei giorni scorsi e nel Tavolo tecnico del questore di Lecce, negli uffici del commissariato gallipolino. Sono in corso ulteriori accertamenti per verificare il possesso delle  autorizzazioni obbligatorie ed eventuali altre violazioni.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Danneggiata l'edicola votiva della “Pietà” nel centro storico di Lecce

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Codacons: tariffe telefoniche in grave aumento

I più letti della settimana

  • Infarto per una bimba di 1 anno. Anche un bagnante rischia malore davanti alla scena

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Bambino pesca un osso in mare. E si scopre essere una tibia umana

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Lei sul materassino spinto al largo, lui rischia di affogare per salvarla

  • Ricercato in Francia ma nel Salento per vacanza in Porsche: polizia lo aspetta all’uscita dall’acqua

Torna su
LeccePrima è in caricamento