Notizie da Gallipoli

I pescatori tornano in mare e donano cassette di prodotti ittici alle famiglie

Anche la marineria gallipolina, pur nelle difficoltà economiche del momento, contribuisce all’attività di sostegno a chi è in difficoltà. Pesce fresco consegnato dai volontari

GALLIPOLI - La generosità della gente di mare non è merce rara e nel periodo di massima emergenza sanitarie e  anche economica anche per il settore delle pesca oltre venti cassette di prodotti ittici sono state  donate alle famiglie gallipoline in difficoltà. E questa una della tante iniziative solidale perpetrate in questi giorni nella città bella  dove si registra anche  il gesto spontaneo dei pescatori gallipolini avvenuto nella giornata di ieri. Un atto che si associa a quello di altri cittadini e di altre associazioni del territorio: dall’attività incessante di protezione civile a quella della caritas che stanno svolgendo il servizio di consegna di beni e pasti a domicilio.

“Ho sempre avuto un buon dialogo con i pescatori gallipolini, monitorando bisogni, esigenze e difficoltà ed oggi non posso fare a meno di rendere noto quanto accaduto ieri” commenta il consigliere presidente della commissione Ambiente, Mino Nazaro “il tutto si può tradurre con una sola frase: i gallipolini hanno un cuore grande. Questa storia mi commuove e non poco, perché tra le mille difficoltà, è proprio in queste situazioni che si vede il vero valore delle persone. Ieri mattina sono tornati al lavoro i pescatori di Gallipoli. Immaginate, la difficoltà di questa categoria, immaginate i pescatori per venti giorni senza il loro mare. Una mancanza che si traduce anche come una privazione sotto l’aspetto economico, per tutte quelle famiglie che vivono grazie alla generosità del mare. Nonostante tutto, nonostante quella voglia e quel desiderio di tornare a lavorare e portare il pane a casa, ha vinto la solidarietà”.

Infatti contattati per le vie brevi i volontari operanti in città al rientro in porto dei pescherecci e delle imbarcazioni sono state donate oltre venti casse di pesce fresco, da parte degli operatori gallipolini e consegnate all’associazione Paolo Pinto per essere poi distribuite alle famiglie bisognose. “Quel pesce in più sarebbe servito a rimettere qualche moneta in più in tasca, dopo un periodo di magra” conclude il consigliere Nazaro, “ma credo di non aver bisogno di aggiungere altro: i gesti valgono tanto e più di mille parole. Sono commosso e orgoglioso di essere cittadino di Gallipoli”. I volontari  della Paolo Pinto facendo di necessità virtù sono riusciti ad organizzarsi e a provvedere alla consegna del pescato offerto in dono  a diverse famiglie locali.   

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Incidente sul lavoro, muore a 35 anni schiacciato da una macchina saldatrice

  • Intervento di riduzione dello stomaco, muore in casa dopo un malore

  • Cinque tamponi positivi al Covid-19, due per residenti in provincia di Lecce

  • Cerca di riparare l’antenna in casa dei suoceri, poi precipita dal tetto: muore un 60enne

  • Tenta rapina nel market, ma il cassiere reagisce. Arrestato dopo la fuga

Torna su
LeccePrima è in caricamento