Notizie da Gallipoli

Inquietante episodio. Esplode ordigno davanti al box di un dipendente Navita

La bomba carta è stata piazzata in un garage condominiale di Gallipoli, nei pressi dell'immobile di un 42enne, impiegato della ditta che si occupa dello smaltimento dei rifiuti nella cittadina. Le indagini sono nelle mani dei carabinieri

Uno scorcio di via Cagliari, a Gallipoli.

GALLIPOLI – Il  boato, avvertito dai residenti di una palazzina, è stato udito intorno all’una della notte. Scesi nel garage condominiale, hanno scoperto l’accaduto. Una bomba carta è stata piazzata in corrispondenza di uno dei box dell’edificio, in via Cagliari a Gallipoli, appartenente a G.C., un 42enne del posto, dipendente della ditta “Navita srl” specializzata nella raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani della cittadina.

La deflagrazione dell’ordigno rudimentale, di piccole dimensioni,  ha danneggiato soltanto parte del basculante del box, senza tuttavia arrecare conseguenze alle strutture confinanti, né alle autovetture parcheggiate all’interno. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia della Città Bella, coordinati dal capitano Michele Maselli, per eseguire i rilievi e ascoltare il destinatario dell’avvertimento, il quale avrebbe dichiarato di non aver subito minacce.

Al vaglio degli inquirenti, intanto, le riprese delle videocamere di sorveglianza, installate sulla via del garage. Per gli autori dell’inquietante gesto non è stato difficile introdursi all’interno dello stabile. L’ingresso, infatti, costituito da una rampa per i veicoli, e da una pedonale, non è protetto da alcuna recinzione.  Le indagini dei militari dell’Arma sono concentrate proprio sul mondo professionale del 42enne. Lo scorso 29 settembre, neppure un mese addietro, la ditta per cui lavora l’uomo, che ha sede legale a Bari, è stata presa di mira da alcuni malviventi.

Due autocompattatori dell’azienda (che ha un incarico temporaneo  dopo la risoluzione del contratto con la ditta precedente Seta-Cogei, e in attesa di un nuovo bando di gara) sono stati infatti colpiti dalle fiamme, appiccate utilizzando della benzina.  I mezzi erano parcheggiati nel deposito sulla via provinciale per Taviano, all’altezza della zona Pip, ma sono stati soltanto parzialmente distrutti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Violento impatto fra due veicoli, ragazza di 19 anni in Rianimazione

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Bimba di 9 anni nel negozio. "Portata in una stanzetta e palpeggiata"

  • Cede il cric durante il cambio della ruota del tir: ferito un meccanico

  • Operazione "Vele": mafia, droga e spari, oltre 40 davanti al giudice

Torna su
LeccePrima è in caricamento