Notizie da Gallipoli

Basta abusivi nell’ex casa del custode, il Comune riconsegna i locali alla scuola

La giunta ha definito il passaggio dell’immobile tra via Gorizia e via Galatone al Terzo Polo. I locali erano stati murati

GALLIPOLI -  Basta con l’occupazione abusiva dei locali dell’ex casa del custode di pertinenza del complesso comunale che ospita il plesso scolastico di via Gorizia a Gallipoli e l’immobile torna nella piena disponibilità della scuola. Dopo un recente sgombero, a seguito di esecuzione della relativa sentenza del tribunale di Lecce, l’ex casa del custode era stata liberata su disposizione anche dell’assessorato ai Servizi Sociali. Il tutto grazie all’impegno profuso nei mesi scorsi dall’ex assessore Silvia Coronese che di concerto con gli uffici preposti aveva disposto anche di far murare gli accessi, che si affacciano tra via Gorizia e via Galatone, in modo da evitare una nuova occupazione abusiva. Già da tempo si era insistito affinché quell’immobile potesse essere affidato nella disponibilità dell’istituto comprensivo del Terzo Polo che proprio in quella sede necessita di spazi per i laboratori e per le proprie attività istituzionali e didattiche.

La situazione si è sbloccata in questi giorni quando la giunta comunale di Palazzo Balsamo ha approvato una delibera con cui dispone di assegnare, tramite atto di concessione amministrativa e a titolo gratuito (in ossequio al relativo regolamento comunale per l’uso da parte di terzi di beni immobili ad uso non abitativo nella disponibilità dell’amministrazione comunale) all’istituto comprensivo del Terzo Polo, l’immobile appartenente al patrimonio indisponibile del Comune di Gallipoli, composto da oltre tre vani.  “L'intendimento dell'amministrazione comunale”  spiega il neo assessore al Patrimonio, Paola Scialpi, “è quello di avviare una politica volta ad utilizzare nel migliore dei modi il patrimonio comunale. La delibera di recente approvata, che mira a consegnare un bene di proprietà del Comune nella disponibilità e fruibilità pubblica, atteso che il beneficiario finale è l'ente scolastico, va proprio in questa particolare direzione e rappresenta la prima di una serie di iniziative tese a tutelare il patrimonio dell'ente, sia valorizzandolo, sia contraendo eventuali sprechi”.

La decisione ora assunta dall’amministrazione comunale consentirà alla sede della scuola, guidata dalla dirigente Martinella Biondo, di avere a disposizione un ampio locale di circa quattro vani da utilizzare in base alle esigenze che saranno definite dal polo scolastico. Un locale che, come detto, è stato oggetto, anche nel passato recente, di occupazione abusiva e pertanto la scelta della giunta va anche nella direzione di bloccare l’uso improprio del locale e di porlo a regime e  nella disponibilità pubblica, per finalità prettamente educative. Attualmente l'immobile, che sorge tra via Gorizia e via Galatone, è ancora murato proprio al fine di evitare ulteriori ingressi abusivi ed in attesa, ormai imminente, di essere consegnato ufficialmente alla comunità scolastica del Terzo Polo. Soddisfatta della conclusione della vicenda relativa al futuro e all’utilizzo dell’ex casa del custode anche l’ex assessore Silvia Coronese che ha avviato l’iter. “Quell’immobile era stato liberato grazie ai Servizi sociali e al mio personale impegno nel farlo murare di modo da evitare una nuova occupazione abusiva” rammenta la Coronese, “la stessa dirigente Martinella Biondo conosce il mio impegno a riguardo e nel voler assegnare quei locali alla scuola”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

Torna su
LeccePrima è in caricamento